menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Uno dei beni sequestrati

Uno dei beni sequestrati

Sequestro di beni per 500 mila euro a Eboli e Giffoni, nei guai moglie e figlia di "O’ tabaccaro"

Le indagini hanno consentito di documentare la sproporzione tra il valore dei beni confiscati ed i redditi dichiarati delle donne, quindi la loro riconducibilità alle attività illecite svolte da Alessandro Stabile detto "O' tabaccaro"

Importante operazione dei Carabinieri di Salerno, nel fine settimana scorso, ad Eboli e Giffoni Valle Piana: come disposto dal provvedimento del Tribunale di Salerno, su richiesta della Procura della Repubblica, i militari hanno sequestrato beni per un valore di 500mila euro circa, nei confronti di Pierina Lamberti e Alfonsina Stabile, rispettivamente moglie e figlia di Alessandro Stabile deceduto l’1 gennaio 2016.

Il provvedimento scaturisce da un’indagine patrimoniale condotta dal Nucleo Investigativo dei Carabinieri con la conseguente proposta di confisca a carico di Alessandro Stabile detto “O’ tabaccaro”, pregiudicato per contrabbando, spaccio di sostanze stupefacenti, porto abusivo di armi ed estorsioni aggravate dal metodo mafioso, ritenuto vicino al clan camorristico “Maiale” già operante nella Piana del Sele. Le indagini hanno consentito di documentare la sproporzione tra il valore dei beni confiscati ed i redditi dichiarati delle donne, quindi la loro riconducibilità alle attività illecite svolte dall’uomo. Sono stati sequestrati e confiscati una villetta su due livelli con annesso giardino sita ad Eboli di proprietà di Pierina Lamberti ed una quota indivisa del 50% di un’abitazione a Giffoni Valle Piana intestata ad Alfonsina Stabile.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Razzo cinese, tra le traiettorie anche la Campania: "Restate a casa"

Salute

Moderna e Pfizer: ecco cosa cambia da lunedì

social

Dopo il "Zitt!" arriva la festa anche per Raffaele il Vikingo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento