Lunedì, 17 Maggio 2021
Cronaca

Volontari "sfruttati" per le ambulanze: Luca Abete a Mercato San Severino e Sarno

Striscia la Notizia torna in provincia di Salerno per denunciare la situazione degli operatori sanitari che lavorano sui mezzi di soccorso. Lo scorso ottobre era già scoppiato il caso al Ruggi

Il servizio mandato in onda

Dopo il servizio mandato in onda lo scorso 30 ottobre sugli operatori delle ambulanze presso il “Ruggi d’Aragona” di Salerno - alcuni dei quali confessarono di lavorare a tempo pieno e talvolta pienissivo senza contratto e per aggirare i controlli venivano spacciati per volontari - Striscia la Notizia è tornata nel Salernitano per denunciare due nuovi casi molti simili.

Le due nuove tappe

L’inviato Luca Abete, durante la puntata di ieri del Tg satirico di Canale 5, ha fatto tappa al pronto soccorso dell’ospedale “Curteri” di Mercato San Severino dove ha intervistato, in forma anonima, una operatrice sanitaria: “L’autista del 118 viene retribuito 20 euro per 12 ore - racconta - Ti danno l’assegno ogni 5 del mese però è volontariato, senza nessun contratto”. E le fatture? Neanche a parlarne. “Loro - spiega l’operatrice - ogni 5 del mese ci fanno il bonifico come recupero spese”. In pratica sotto la mission del volontariato si nasconderebbe il lavoro nero. “Le istituzioni sanno tutto - aggiunge l’operatrice - purtroppo è tutto un giro. Tutti i presidenti delle associazioni hanno agganci politici”. Seconda tappa, invece, all’ospedale "Martiri del Villa Malta" di Sarno dove il volontario di un’altra organizzazione, sollecitato da Abete, rivela: “Noi siamo in nero. Non assunti con la busta paga. Ma non è solo qua. Tutte queste associazioni non vogliono assumere per non pagare le tasse e quindi ci tengono in nero. Un turno di autista, come me, 12 ore..30 euro”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Volontari "sfruttati" per le ambulanze: Luca Abete a Mercato San Severino e Sarno

SalernoToday è in caricamento