menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Smetto quando voglio", opera prima del salernitano Sydney Sibilia al cinema

Nelle sale cinematografiche l'opera prima del regista salernitano Sydney Sibilia "Smetto quando voglio", ispirato alla dura realtà del precariato italiano con Edoardo Leo, Valeria Solarino, Neri Marcoré

Esce nelle sale cinematografiche questo weekend l'opera prima del salernitano Sydney Sibilia "Smetto quando voglio". Ispirato alla dura realtà del precariato italiano, il film vede come protagonista Edoardo Leo nelle vesti di un ricercatore 36enne che viene licenziato dall'università in cui lavora, quindi insieme ad altri colleghi ridotti a lavorare ai margini della società, nonostante il proprio talento accademico, decide di mettere su una nuova attività decisamente più redditizia, lo spaccio di droga, ma in modo da eludere l'elenco delle sostanze illegali pubblicato dal Ministero della Salute. In una società in cui l'antropologo è costretto a fingersi analfabeta per lavorare come sfasciacarrozze, due latinisti lavorano come benzinai in nero per un irascibile cingalese, il macroeconomista gioca a poker clandestino e il neurobiologo si deve accontentare di lavare piatti in un ristorante cinese e l'archeologo assiste le trivellazioni urbane degli operai, le menti eccelse si "riciclano" diventando una banda di spacciatori. Prodotto da Domenico Procacci, "Smetto quando voglio" ripropone un perfetto spaccato dell'attuale situazione lavorativa italiana tanto che lo stesso regista salernitano ha ammesso: "Lo spunto è arrivato dalla cronaca, da un articolo che raccontava di due netturbini laureati in filosofia. Ma tutte le storie di partenza dei protagonisti sono vere", mentre lo spunto per il lavoro alternativo dei laureati con lode è arrivato anche dalle serie tv, come Breaking Bad: "Ci ho messo tutto quello che mi piace al cinema e in tv - ha continuato Sibilia - ma lo spunto iniziale è arrivato da un articolo su "La Repubblica" che raccontava di due netturbini laureati in filosofia che nell'alba romana dissertavano sulla Critica della ragion pura". Commedia sull'improbabile riscatto di un gruppo di giovani laureati, il film vanta un cast di attori italiani molto noti al pubblico: oltre allo stesso Edoardo Leo, ritroviamo Valeria Solarino, Neri Marcoré, Valerio Aprea, Paolo Calabresi, Pietro Sermonti, Lorenzo Lavia, Stefano Fresi e Libero de Rienzo. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Salerno: San Matteo ed il miracolo dei leoni del Duomo

Attualità

Vaccinazioni in Campania, al via le adesioni degli “over 60”

Attualità

Covid-19: la Campania verso la conferma in zona rossa

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Lotto tecnico: nuove vincite per i lettori, i numeri

  • social

    Lotteria degli scontrini: i codici della seconda estrazione

  • social

    Prignano Cilento, dopo 50 anni ritorna l'aquila sul Monumento ai Caduti

Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento