rotate-mobile
Mercoledì, 22 Maggio 2024
Attualità

Morte di Claudio Mandia, la Ef Academy chiede di trasferire il caso al Tribunale di Zurigo

I genitori del minore chiedono che l’istituto risponda per i presunti comportamenti spietati adottati. Intanto, l'avvocato ha chiesto al Tribunale di New York di respingere l’istanza dell’Istituto

Prosegue la battaglia legale tra i genitori di Claudio Mandia, 17enne di Battipaglia morto suicida il 17 febbraio dello scorso anno a New York e il college da che frequentava e nel quale si è tolto la vita. La EF Academy, dopo la querela della famiglia del giovane per il comportamento disumano e le gravi negligenze, ha chiesto di trasferire il procedimento giudiziario al Tribunale di Zurigo, per via di una clausola contrattuale dell’iscrizione di Claudio, secondo cui, in caso di controversie, il foro competente sarebbe stato quello svizzero.

Il fatto

I genitori del minore chiedono che l’istituto risponda per i presunti comportamenti spietati adottati. Intanto, l'avvocato ha chiesto al Tribunale di New York di respingere l’istanza dell’Istituto. I Mandia sostengono che pur sapendo che Claudio minacciava di suicidarsi, la scuola l’aveva tenuto in isolamento, riservandogli severi trattamenti punitivi. La Procura di New York qualche mese fa ha reso noto di non aver trovato elementi sufficienti per un caso di omicidio con negligenza criminale. Ora il tribunale di New York deciderà dovrà decidere se accogliere o respingere la richiesta della EF Academy.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morte di Claudio Mandia, la Ef Academy chiede di trasferire il caso al Tribunale di Zurigo

SalernoToday è in caricamento