rotate-mobile
Cronaca

Cstp, nulla di fatto in consiglio provinciale

Dopo ore di dibattito in aula è mancato il numero legale: presenti solamente tredici consiglieri su trentasei. Terminata anche la protesta dei dipendenti sull'impalcatura: due in ospedale per malore

Nulla di fatto al consiglio provinciale di Salerno, chiamato a decidere sul futuro del Cstp: dopo ore di parole, proposte e comizi in aula è venuto a mancare il numero legale. Erano infatti presenti solamente tredici consiglieri su trentasei. Il consiglio provinciale doveva dare il via libera alla manifestazione d'interesse allo scopo di individuare il possibile sostituto del consorzio salernitano trasporti pubblici, nel caso in cui l'azienda dovesse cessare definitivamente il servizio.

Dopo ore di presidio su un'impalcatura di palazzo Sant'Agostino anche i lavoratori, esasperati e stanchi, hanno deciso di scendere dalle transenne riavvolgendo gli striscioni "Salviamo il trasporto" e "Uniti per salvare il posto di lavoro". I lavoratori, che non percepiscono lo stipendio da due mesi, sono disperati non solo per la situazione presente ma anche per paura di un futuro ancora più incerto.

Protesta Cstp Salerno 30 luglio 2012 FOTO SALERNO TODAY

Due dipendenti, presenti dalle prime ore dell'alba, si sono anche sentiti male, nel primo pomeriggio, per il troppo caldo e, soccorsi dai vigili del fuoco intervenuti con l'autoscala, sono stati trasportati in ospedale. A vigilare il corretto scorrere degli eventi, anche una ventina di esponenti delle forze dell'ordine ai quali i dipendenti del Cstp hanno detto più volte: "Vi rendete conto che la gente che vi dice di stare qui è la stessa che non vi paga gli straordinari e la benzina?".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cstp, nulla di fatto in consiglio provinciale

SalernoToday è in caricamento