Fonderie Pisano: il Tribunale del Riesame rinvia la decisione

Esibito un certificato medico: motivi di salute hanno impedito a Renato Pisano, membro del Consiglio di Amministrazione dell’azienda, di essere presente in tribunale

Fonderie Pisano

Slitta al 9 aprile la pronuncia del Tribunale del Riesame sul sequestro preventivo delle Fonderie Pisano. Il Riesame, che era stato invitato dalla Corte di Cassazione ad esprimersi nuovamente, ha rinviato la decisione dopo la presentazione di un certificato medico: assente per motivi di salute Renato Pisano, membro del Consiglio di Amministrazione dell’azienda.

Le reazioni

“Apprendiamo la notizia del rinvio. Prendono tempo ma noi restiamo vigili e ottimisti – ribatte Lorenzo Forte, presidente del Comitato Salute e Vita – Siamo convinti che il Riesame non possa non confermare il sequestro. Nel frattempo i Pisano hanno potuto lavorare per un altro anno”. Nei prossimi giorni arriverà la relazione definitiva studio Spes-Valle dell’Irno. Coordinato dall'Asl, vede protagonisti l’Istituto zooprofilattico di Portici, l’Arpac e l’Istituto Superiore della Sanità “e aggiornerà – prosegue Forte- sullo stato di salute di un campione di circa 400 cittadini. Ci fu già anticipata la presenza di due metalli pesanti – selenio e zinco – altamente dannosi. Il rinvio del Riesame non ci smonta: siamo convinti che la fabbrica deve chiudere definitivamente e che i responsabili debbano pagare fino in fondo il proprio conto con la giustizia”. 

La denuncia

Il Comitato Salute e Vita era intervenuto poche ore fa, denunciando la fuoriuscita di fumo da uno dei comignoli delle Fonderie Pisano. “Vigileremo, guardia alta – conclude Forte - Sottolineiamo che nonostante sia stata revocata l’AIA dalla Regione Campania e sia stata ordinata la chiusura dell’impianto, il rischio di poter continuare a danneggiare l’ambiente e la salute, sebbene si tratti di un rischio remoto, non è del tutto scongiurato. Resta in piedi, infatti, la possibilità che la proprietà ricorra al Tribunale Amministrativo Regionale. Auspichiamo, dunque, che nella prossima udienza il Tribunale del Riesame si esprima consapevole del fatto che non sia del tutto scongiurato il pericolo per la popolazione di Salerno, Baronissi e Pellezzano".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Zona rossa: spostarsi in un altro comune? Per la spesa sì, per il parrucchiere no

  • Litorale di Salerno, spunta la diga soffolta per allungare la spiaggia

  • Salerno si stringe attorno a Carmine Novella, il Capitano ringrazia e promette: "Lotterò a testa alta"

  • Sviene quattro volte in un giorno e gira tre ospedali, poi il decesso: indagati 2 medici

  • "Forza Capitano!": Salerno fa il tifo per Carmine Novella

  • Ictus fulminante: muore a 54 anni il dottor Luongo, il cordoglio del sindaco di Montano Antilia

Torna su
SalernoToday è in caricamento