Sgozzò un connazionale vicino al Decathlon: marocchino condannato a 15 anni

I fatti risalgono al 2016: il delitto si consumò nei pressi del Decathlon. I due erano ubriachi e la scelta dei brani musicali da ascoltare sull’Iphone fu la scintilla per la violenta lite

E' stato condannato a 15 anni dalla Corte D’Appello per aver sgozzato con una bottiglia di vetro un connazionale, il marocchino Youssef  El Khalid. La decisione è di stamattina, da parte della Corte di Assise di Appello di Salerno. I fatti risalgono al 2016: il delitto si consumò nei pressi del Decathlon. I giudici hanno emesso la sentenza che riformula il precedente verdetto di omicidio di secondo grado.

Ad essere ucciso, fu Elman Soriy: i due erano ubriachi e la scelta dei brani musicali da ascoltare sull’Iphone generò una discussione tra i due, culminata con l'omicidio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si laurea a 20 anni con Lode in Ingegneria Informatica: targa per un salernitano

  • Covid-19, De Luca firma l'ordinanza: movida di nuovo sotto controllo

  • Tromba marina devasta Salerno: alberi sradicati e tegole volanti, paura al "Galiziano"

  • Bonus tiroide: di cosa si tratta e come fare per richiederlo

  • Test sierologici gratuiti per Covid-19 e Epatite C: l'iniziativa a Salerno

  • Il maltempo mette in ginocchio la provincia: scattano evacuazioni a Sarno

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento