menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

“Safer Internet Day”, simulato processo con la Polizia Postale a Giffoni

L’evento che si è svolto presso la Sala Galileo della Giffoni Multimedia Valley, destinato ai circa duecento ragazzi delle scuole di Salerno e provincia

Il Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni Campania-Sezione di Salerno, insieme con l’Associazione Nazionale Magistrati di Salerno e Giffoni Opportunity, hanno organizzato, per il Safer Internet day 2020, la simulazione di un processo penale. L’evento che si è svolto presso la Sala Galileo della Giffoni Multimedia Valley , destinato ai circa duecento ragazzi delle scuole di Salerno e provincia, ha visto la partecipazione di Jacopo Gubitosi, Strategy Manager di Giffoni Opportunity, dell’Ispettore Superiore Roberta Manzo del Compartimento di Polizia Postale e delle Comunicazioni – Sezione di Salerno, Piero Indinnimeo, presidente dell’Associazione Nazionale Magistrati – Distretto di Salerno.  

L’iniziativa

La simulazione del processo è stata a cura del giudice Tiziana Santoriello, del pm Francesca Fittipaldi, dell’avvocato Simona Onesti, parte civile per il Centro Antiviolenza, Linea Rossa, Spazio Donna, dell’avvocato Arianna Santacroce, difensore dell’imputato, interpretato dall'Ass. C. C. Ciro Grimaldi, e del testimone "Federica Rossi"(nome di fantasia), la quale ha raccontato, durante la testimonianza, quanto le è accaduto all'età di tredici anni. La curiosità, la lusinga e l'inesperienza hanno spinto Federica a chattare con il nuovo “amico”, a confidarsi con lui, a raccontargli le sue giornate e, purtroppo, all'incontro in un parcheggio di un centro commerciale di Pompei, dove lui l'ha baciata e palpeggiata. Il gioco di seduzione che si trasforma in un incubo! Federica ha paura, capisce di trovarsi in pericolo, ma è terrorizzata all'idea di parlarne con la sua famiglia. Lui lo sa e su questo gioca per restare ancorato alla sua vita attraverso chat, messaggi e minacce. Finché un giorno, una professoressa, capisce che dietro la distrazione della tredicenne e il suo malessere, c'è qualcosa di veramente grave. L'incontro con la Polizia Postale, la denuncia, le indagini, l'arresto, la condanna e la fine di un incubo. Una storia vera raccontata ai giovani, il coraggio di ripercorrere ogni attimo affinché nessun altro adolescente si trovi a vivere la sua terribile esperienza. Chi oggi chiede a Federica cosa voglia fare da grande, riceve la seguente risposta: "Il mio futuro? Al servizio della gente. Il mio sogno? Diventare una poliziotta e aiutare gli altri, come la Polizia di Stato ha aiutato me!"

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona "arancione", ecco cosa cambia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Laureana Cilento, consiglieri donano fiori alle piazze del paese

  • social

    Lotto tecnico, continuano le vincite: ecco i nuovi numeri

  • social

    Promozione culturale, pubblicato l'avviso della Regione Campania

Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento