Sarno, prove selettive truccate: aperta indagine contro ignoti dalla Procura

La Procura di Nocera Inferiore ha aperto un fascicolo dopo le “rivelazioni” dell’imprenditore salernitano nella prima inchiesta condotta a Nola

Anche la Procura di Nocera Inferiore sta indagando sulla vicenda “Concorsopoli”, sulla scia dell’inchiesta avviata dai colleghi del tribunale di Nola. Allo stato non ci sono indagati e si procede contro ignoti. Una decisione presa dopo gli interrogatori dell'imprenditore salernitano A.M. , indicato quale fulcro di un articolato costrutto accusatorio. Nei mesi scorsi, mentre l’indagine della procura di Nola allargava i confini proprio all’Agro nocerino, il Comune di Sarno revocava l’incarico affidato a A.M. e alla sua cooperativa, specializzata nel campo dei concorsi pubblici. L'uomo, amministratore di una cooperativa con sede legale e operativa a Salerno, era stato arrestato a dicembre scorso per l'inchiesta dei concorsi truccati nel Comune di Sant'Anastasia insieme al sindaco e al segretario comunale del comune napoletano.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'indagine

Secondo il teorema investigativo, l'uomo avrebbe manipolato per via informatica i risultati delle prove dei concorsi a lui affidati. E lo avrebbe fatto in cambio di denaro. Tale “modus operandi” sarebbe stato tentato anche per le procedure concorsuali a Sarno, senza esito per via dei dinieghi giunti dopo le comunicazioni all’autorità giudiziaria. Il meccanismo di broglio informatico avrebbe interessato vari tipi di prove, tra cui quelle per funzionari, figure professionali, istruttori direttivi e altri profili tecnici. L’attività investigativa della procura nolana è stata condivisa dal gip Fortuna Basile, nella quale ordinanza tra l'altro compaiono le verifiche investigative fatte sull’elenco dei candidati che avevano superato le prove pre-selettive, come accaduto per il Comune di Pimonte, dove parte delle figure inserite nelle commissioni esaminatrici provenivano dal Comune di Sant’Anastasia. I magistrati hanno rivelato una serie di processi dubbi, come l’assenza di avvisi pubblici, previsti da regolamento per la selezione di personale ed esperti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, nuova ordinanza della Regione Campania: confermate le restrizioni

  • Campania: dietrofront sulla scuola, non riaprono neppure le elementari

  • Covid-19: torna l'autocertificazione in Campania, all'orizzonte un nuovo decreto di Conte

  • Superenalotto, la Dea bendata bacia Salerno: vinti 25mila euro

  • Covid-19: il coprifuoco inizia venerdì, De Luca denuncia la mancanza di personale sanitario

  • Ordinanza anti-Covid di De Luca, i commercianti bloccano via Roma: "Il sindaco scenda dal Comune"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento