menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Maxi sequestro di olio lubrificante: tre denunce per frode

Le Fiamme Gialle hanno fatto irruzione all'interno di un parcheggio-deposito situato nel comune di Nocera Superiore. Tre uomini deferiti all'Autorità Giudiziaria

Le Fiamme Gialle di Nocera Inferiore hanno sequestrato 8 mila litri di olio lubrificante di contrabbando, di ignota provenienza,  e anche un autocarro situati all’interno di un parcheggio. L’olio era stoccato in contenitori di forma cubica della capacità massima di litri 1.000 cadauno. La scoperta è avvenuta durante un servizio di ricognizione mirato alla repressione del contrabbando nel comune di Nocera Superiore, precisamente in un piazzale adibito a parcheggio di mezzi pesanti, privo di illuminazione, dove gli uomini della Guardia di Finanza hanno notato la presenza di tre persone, che, con fare sospetto, caricavano un tir. Di qui è scattata un’operazione di controllo, al termine della quale hanno accertato che un autotrasportatore nocerino, avente la piena disponibilità del piazzale e grazie all’ausilio di un suo collaboratore, pluripregiudicato e peraltro sottoposto a misure di sorveglianza, stavano effettuando operazioni di carico di olio lubrificante su un autocarro, condotto da un altro pluripregiudicato napoletano, dipendente di un’impresa di trasporti su strada per conto terzi, con sede nella città di Napoli.

Le persone coinvolte sono state trovate prive di documentazione fiscale o equipollente che attestasse la reale natura, la provenienza e la destinazione del prodotto sottoposto al regime delle accise, oggetto del carico in atto, presuntivamente destinato al mercato partenopeo. Per questo, successivamente, si è proceduto al sequestro di 8 mila litri di olio lubrificante e di 9 mila litri di analogo prodotto consumato in frode, accertato dal rinvenimento  di altri nove contenitori vuoti, recanti al loro interno vistose tracce di olio lubrificante, nonché dell’autocarro utilizzato per il trasporto. Dalle indagini eseguite i finanzieri, dunque, hanno motivo di ritenere che l’olio sarebbe stato utilizzato per l’adulterazione di prodotti energetici, precisamente gasolio, previa miscelazione. A finire nei guai G.P di 51 anni  e G.B. di 49 anni residenti a Nocera Inferiore e A.B di 51 anni residente a Napoli, i quali sono stati deferiti a piede libero alla competente autorità giudiziaria, in concorso tra loro, per ricettazione e violazioni di carattere penale sancite dal T.U. sulle accise.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento