rotate-mobile
Cronaca

Caso Verde Pubblico, Di Popolo replica a Figliolia: "Il responsabile già c'è, ma occorrono fondi per i turni aggiuntivi"

Il capogruppo Psi del Comune: "Non ci meravigliamo più delle dichiarazioni dei rappresentanti dei Moderati e Popolari sulla questione del verde pubblico in città, che arrivano finanche a strumentalizzare l’attività della commissione politiche sociali del Comune distraendosi dalle priorità che dovrebbe affrontare, per competenza, con altrettanta efficacia e urgenza: penso, ad esempio, alla questione dell’ospedale di Salerno e ai paventati aumenti delle rette degli asili, dei trasporti e delle mense scolastiche"

"Dobbiamo constatare che la Consigliera Figliolia non conosce fino in fondo la macchina comunale. Il responsabile comunale che lei chiede, già c’è e sta lavorando alacremente proprio su forte spinta dell’assessore Natella, al fine di migliorare il servizio". Lo ha notato Filomeno Di Popolo, Capogruppo Psi Comune di Salerno e Vice Presidente Commissione Politiche Sociali che replica alla proposta lanciata ieri da Barbara Figliolia, presidente della Commissione Politiche Sociali, in merito alla necessità di nominare un responsabile che monitori la cura del verde pubblico a Salerno.

Di Popolo all'attacco

"Non c’è dubbio che i controlli vadano aumentati, come auspicato più volte da noi socialisti in commissione politiche sociali. Non solo, è necessario implementare anche i fondi per consentire turni aggiuntivi per il taglio dell'erba, che soprattutto nel mese di maggio, causa le costanti piogge, hanno visto una maggiore crescita dell’erba. - continua Di Popolo - A questo punto non ci meravigliamo più delle dichiarazioni dei rappresentanti dei Moderati e Popolari sulla questione del verde pubblico in città, che arrivano finanche a strumentalizzare l’attività della commissione politiche sociali del Comune distraendosi dalle priorità che dovrebbe affrontare, per competenza, con altrettanta efficacia e urgenza: penso, ad esempio, alla questione dell’ospedale di Salerno e ai paventati aumenti delle rette degli asili, dei trasporti e delle mense scolastiche. E ci dovremmo tutti chiedere quale sia stata l’attività della collega Figliolia quando si dovevano salvaguardare gli oltre cento operai delle ex cooperative sociali che rischiavano di non lavorare più (quella sì, era una emergenza sociale), questione seguita e risolta favorevolmente dall’Assessorato all’ambiente", ha concluso.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caso Verde Pubblico, Di Popolo replica a Figliolia: "Il responsabile già c'è, ma occorrono fondi per i turni aggiuntivi"

SalernoToday è in caricamento