rotate-mobile
Mercoledì, 22 Maggio 2024
Politica

Il consiglio comunale corregge l'errore nel bilancio: via libera fra le polemiche alla variazione da 8 milioni

Il sindaco: "È stato commesso un errore senza dolo". Dall'opposizione richieste di dimissioni per l'assessore Eva Avossa

Il consiglio comunale dà il via libera alla variazione di bilancio chiamata a riparare al danno legato al famoso errore nel bilancio di previsione approvato la scorsa settimana. Il provvedimento è passato con il voto favorevole della sola maggioranza.

Il sindaco

Dopo il minuto di silenzio per le vittime di Campagna e Suviana, ha preso la parola il sindaco Vincenzo Napoli: "È stato commesso un errore senza dolo e noi siamo qui per riparare. Un errore nel senso classico della parola che abbiamo registrato. Abbiamo prontamente predisposto un atto deliberativo, oggetto di trattazione nella commissione Bilancio e nella commissione Trasparenza. La commissione trasparenza ha accertato che la consistenza non è scalfita e che non c'è nessun danno. Un dato che va fortemente preso in considerazione, in primis perché si tratta di un errore che non ha prodotto effetti e perché il bilancio si tiene. Per il futuro abbiamo aspettative lusinghiere". A seguire la relazione dell'assessore al Bilancio, Eva Avossa: "Dietro l'errore non c'è nessuna astuzia. I miei principi etici mi avrebbero impedito di approvare un bilancio non veritiero. Il risultato presunto di amministrazione risente di una serie di elementi. Sulla situazione generale, siamo consapevoli della situazione di difficoltà, ma siamo altrettanto consapevoli della nostra determinazione a superarli. Di dignità ne ho da vendere, altrimenti avrei dato le dimissioni prima di questo consiglio". 

L'opposizione

Duro il consigliere delle Lega Dante Santoro: "Quello che accade oggi certifica che le battaglie dell'opposizione non sono fatte per sport, ma perché c'è un problema oggettivo. E cioè: come vengono gestiti i soldi dei slaernitani? Questa è l'unica città d'Italia in cui la gente deve appellarsi a Padre Pio per avere le manutenzioni. Una città in cui, nonostante le alte tasse, interi spazi sono sottratti alla fruibilità. Oggi certifichiamo il fallimento politico della maggioranza. Vi faccio una proposta: dimettiamoci e torniamo al voto e vediamo che se la sente di rivotare questa maggioranza". "Un errore così - ha aggiunto il capogruppo di Forza Italia, Roberto Celano, che per primo ha scoperto l'errore - sarebbe imbarazzante anche al Comune di Controne. Un errore fatto con cognizione perché lo stesso assessore ha ammesso che si era a conoscenza dell'errore ma non c'era tempo per correggerlo. Avete indotto i consiglieri a votare un bilancio falso. Oggi siamo qui a mettere una toppa e vedremo se la toppa sarà peggiore del buco. In questo periodo abbiamo assistito ad una imbarazzante confusione, che spero sia dettata soltanto dalla mancanza di serenità dalla parte tecnica e da quella politica". Il capogruppo di Fratelli d'Italia, Michele Sarno, ha chiesto le dimissioni dell'assessore Avossa: "Voi non avete bisogno di tutori - ha affermato riferendosi a De Luca - perché così fate una brutta figura. Dopo la scoperta dell'errore l'assessore Avossa avrebbe dovuto dimettersi. Quando si ricoprono certi incarichi c'è bisogno di competenza". "Siamo sicuri che non c'è danno?" si è chiesto Antonio Cammarota. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il consiglio comunale corregge l'errore nel bilancio: via libera fra le polemiche alla variazione da 8 milioni

SalernoToday è in caricamento