menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La Curva Sud Siberiano

La Curva Sud Siberiano

La voce dei tifosi: "Col Foggia di buono solo la vittoria, c'è tanto ancora da lavorare"

I supporter granata salutano con moderata soddisfazione il successo giunto al fotofinish contro il Foggia. In tutti però c'è la consapevolezza che la Salernitana non è ancora uscita dal tunnel della crisi tecnica

Vittoria scacciacrisi per la Salernitana che interrompe finalmente il filotto di risultati negativi, sfociati nel "vulnus" dell'avvicendamente tecnico tra Colantuono e Gregucci. Tra i tifosi della Salernitana c'è moderata soddisfazione, il successo contro rossoneri ha portato una ventata di freschezza, rasserenando gli animi accesi degli scorsi giorni; al contempo però c'è la consapevolezza che ancora molto deve essere fatto prima di considerare la Salernitana 'guarita' dai suoi mali. Questo ed altro è emerso dai commenti rilasciati dai supporter granata intervenuti nella consueta rubrica di SalernoToday completamente dedicata al mondo del tifo.

Ad aprire il nostro giro di interviste Guido Diodato: "Di buono col Foggia solo i 3 punti, fondamentali per la serenità della squadra. Per il resto gara giocata male sotto tutti gli aspetti soprattutto quello mentale, una squadra senza mordente e con poche idee. Sinceramente non ho visto quella scossa che caratterizza gli avvicendamenti tecnici. Spero che il mister dia spazio a chi lo merita e non a chi ha stretto patti segreti con il DS. Alla luce della partita di ieri, quel che dico sarà impopolare ma spero che Vitale insieme a qualche altro vadano via da Salerno al più presto". Concorde nei giudizi anche Luca Bochicchio: "Brutta partita da parte nostra. Giocata male, squadra bloccata mentalmente e con poca cattiveria e voglia di vincere, il che è strano perché quando c'è un cambio tecnico le squadre reagiscono. La vittoria è stata agevolata dall'espulsione avversaria che ha fatto scattare la consapevolezza di poter addirittura vincere e fortuna ha voluto così. Per ora ci accontentiamo dei 3 punti. Al mister tocca il compito più arduo, ovvero riprendere la squadra mentalmente". Di parere diverso Gennaro Rino Marra: "Oggi era importante vincere e si è vinto dopo una partita sofferta, segno che il gruppo ha reagito.Ci sono note positive, tra queste l’atteggiamento dell’allenatore: Colantuono sembrava una mummia invece Gregucci non è stato passivo tutt’altro, ha letto bene la partita. Il Foggia sembrava essere sul punto di far gol, ma Gregucci è stato bravo ad avere coraggio e ad infonderlo nei giocatori. Oggi abbiamo visto il carattere e la qualità di Rosina lui ha cambiato la partita e Vitale ha trovato quella giocata fantastica. Se con lo Spezia 11 contro 10 siamo stati dominati oggi abbiamo sfruttato la superiorità numerica". Moderatamente soddifatto anche Raffaele Panda Marotta: "Col Foggia dovevano essere 3 punti e 3 punti sono stati. Non pretendiamo dopo appena due giorni di allenamento di Gregucci il calcio spettacolo. Già il fatto che abbiamo 'giocato' rispetto alle ultime uscite è tanta roba! Ora andiamo avanti, tenendo presente che questa vittoria fa morale!". Si discosta dal tema partita, Rosario Savino ponendo l'accento sulla questione sicurezza dell'Arechi: "Avete visto la curva dei foggiani? Come hanno fatto a far entrare decine di fumogeni? Poi ai salernitani controllano tutto e quando dico tutto, dico tutto, finanche là dove non sbatte il sole!". Non ha gradito l'incedere del match Paolo Amato: "Un’occasione per parte e tanta ma tanta noia. L’espulsione ha dato alla Salernitana la forza di provarci fino alla fine. Il nuovo corso comincerà realisticamente da gennaio, ora vediamo di fare meno danni possibili". Resta prudente nell'esprirmere giudizi Luigi Nese: Luigi Nese: "Non è possibile dare sentenze adesso, questa era una partita da vincere per dare un po’ di fiducia a questa squadra e per far passare un Natale più sereno a noi tifosi. Onore al merito al calciatore più criticato degli ultimi tempi: Vitale. Il suo riscatto fa parte del bello del calcio. Nelle prossime due gare dobbiamo portare quanto più fieno in cascina, per affrontare al meglio il prossimo mercato di riparazione". Sarcastico come sempre il nostro Armando Della Monica, noto esercente della zona Vestuti di Salerno: "Pongo un quesito: "Ma il Foggia fa parte della scuderia di Fabiani per caso? Senza andare travalicare troppo gli aspetti della partita - gara poco spettacolare offerta da due squadre mediocri - ricordate che questo è il primo risultato utile del filotto utile pronosticato in tempi non sospetti dal sottoscritto. Meditate gente". Chiude il nostro giro di interviste l'ironia di Gianfranco Iuliano: "La premiata pasticceria Fabiani, augura alla sua spettabile clientela un fantastico Natale!".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona "arancione", ecco cosa cambia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento