"Un giorno senza rischio, è un giorno non vissuto": la storia di un eroe silenzioso

Tra le imprese affrontate dall'ispettore Mirko Bove, l'alluvione di Sarno, dove riuscì a trarre in salvo una bimba di soli 20 mesi sotto le macerie. Fu allora che, dando prova del suo coraggio e della sua dedizione alla missione umanitaria, ricevette un attestato di merito dal Ministero dell'Interno

Aveva appena 14 anni quando ha iniziato a dedicarsi ad una missione che, da sempre, sente nel suo profondo: correre lì dove c'è bisogno di aiuto, per fronteggiare qualsiasi emergenza ed aiutare persone in difficoltà. Non importa quale sia il rischio da correre: fossero burroni o fiamme, come è capitato, non si lascia spaventare e si dirige dritto verso la meta, restituendo salute e sorrisi a chi li ha perduti. E' Mirko Bove, ispettore dell'Humanitas di Salerno, fiore all'occhiello e punto di riferimento per il soccorso salernitano, che, poco prima della chiusura dell'anno, lancia a tutti un messaggio importante attraverso la sua esperienza professionale che, per moltissimi, è stata letteralmente vitale. Figlio del noto sottufficiale dei Vigili del Fuoco, Bruno Bove, Mirko ha fatto del suo motto uno stile di vita: "Un giorno senza rischio, è un giorno non vissuto". Proveniente dai caschi rossi, l'eroe silenzioso, dunque, dal '94 è entrato a far parte del Corpo Nazionale di Pubblica Assistenza dell'Humanitas di Salerno, capitanato da Roberto Schiavone. Innumerevoli, le operazioni in cui Mirko si è distinto. Tra queste, l'alluvione di Sarno, dove riuscì a trarre in salvo una bimba di soli 20 mesi sotto le macerie. Fu allora che, dando prova del suo coraggio e della sua dedizione alla missione umanitaria, ricevette un attestato di merito dal Ministero dell'Interno.

"Laddove iniziano le vostre paure inizia il mio coraggio", dice spesso l'ispettore che si è fatto conoscere per numerosi casi di cronaca locale e nazionale. Non è trascorso molto tempo, tra l'altro, dal giorno in cui, con il mare forza 7 a bordo di una motovedetta della Capitaneria di Porto, Mirko prestò soccorso ad un turista colto da un infarto: un intervento pericoloso sia per le condizioni meteo che marine. Nonostante ciò, l'ispettore riuscì insieme ad un suo collega, Francesco Memoli, a trasportare il malcapitato dalla nave alla motovedetta, imbracandolo. Momenti di commozione e di orgoglio, quando, a missione compiuta, l'ispettore fu ricoperto di applausi da parte dei turisti della nave da crociera. Un episodio, quello, che fece eco anche sulla stampa estera: a parlarne, infatti, elogiando l'ottimo soccorso ricevuto dal viaggiatore in pericolo, è stato anche Le Monde, noto giornale francese.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ne ha viste, di scene da dimenticare, l'ispettore che si è trovato a fronteggiare, insieme ai suoi colleghi del soccorso, pure il matricidio tragicamente consumato a Torrione, nonchè numerosi interventi in mare, fino a terminare con il drammatico epilogo dell'incidente del pullman dove persero la vita 40 persone. Per tutto il bagaglio vissuto, Mirko, dunque, ringrazia l'Humanitas di Salerno, il suo presidente e i suoi colleghi. Molte delle imprese dell'Humanitas e di Mirko, intanto, sono anche state tra le protagoniste di un libro titolato "Codice Rosso" di Luciana Mauro. Un esempio di coraggio e di altruismo, quello di Bove, che proprio come il suo papà, non si stanca mai di precipitarsi lì dove gli altri fuggono, per restituire sicurezza e sorrisi a chi è in difficoltà.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma a Torrione: donna si sente male sulla spiaggia e muore

  • Covid-19: salgono i contagi a Salerno e provincia, muore un paziente. L'appello di Polichetti (Fials)

  • Dramma a Casal Velino: anziano esce dal mare e muore sulla spiaggia

  • Covid-19, sono 41 i contagiati a Salerno: terzo caso in poche ore

  • Covid-19, altri 19 casi positivi in Campania: il bollettino

  • Covid-19: nuovo caso ad Agropoli, altri 2 positivi a Salerno

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento