rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Formazione

Al via il progetto “Educare – Ricreare socialità”: 200 giovani coinvolti in attività formative e ludico-ricreative

I giovani partecipanti saranno coinvolti in attività connesse al “Palio delle Frazioni”, manifestazione organizzata ogni anno dal Comune di Montecorvino Pugliano ed attività laboratoriali

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di SalernoToday

Circa 200 giovani di età compresa tra 9 e 17 anni, principalmente dei territori di Montecorvino Pugliano, Pontecagnano, Montecorvino Rovella, Battipaglia, Eboli e Salerno, avranno l’opportunità di mettersi in gioco, di scoprire la forza del lavoro di squadra e di sviluppare nuovi stimoli ed interessi grazie a “Educare - Ricreare socialità”, progetto promosso da Fondazione Saccone in collaborazione con il Comune di Montecorvino Pugliano e il Liceo Classico Torquato Tasso di Salerno, e finanziato dal Dipartimento per le Politiche della Famiglia della Presidenza del Consiglio dei Ministri nell’ambito del bando EduCare, con l’obiettivo di favorire la socialità e l’integrazione intergenerazionale, grazie alla realizzazione di attività eterogenee e multidisciplinari.

Nei prossimi 6 mesi, i giovani saranno coinvolti in diverse attività: “Kids Coding Lab”, un laboratorio didattico in programma presso la Fondazione Saccone rivolto ai ragazzi di età compresa tra i 10 e i 14 anni, che si propone di favorire la socialità e la collaborazione tra i partecipanti, l’uso responsabile e consapevole degli strumenti informatici, lo sviluppo del pensiero computazionale, della capacità di lavorare in gruppo, l’approccio al problem solving e del pensiero critico; “Be Smart Kids”, un laboratorio didattico rivolto ai bambini di età inferiore o pari ai 12 anni, concepito per favorire nei giovani partecipanti la riflessione sull’uso consapevole ed equilibrato delle nuove tecnologie e sul tema della sicurezza in rete; il laboratorio “Sotterranei d’eccellenza” organizzato in collaborazione con il Liceo Classico Tasso di Salerno, finalizzato alla promozione e comprensione dell’arte attraverso la ricostruzione di manufatti con scanner e stampa 3D. Gli allievi, infatti, grazie al supporto di esperti del settore archeologico e delle nuove tecnologie digitali e all’utilizzo di strumenti innovativi, quali scanner e stampanti 3D, avranno l’opportunità di riprodurre i manufatti esposti nel Museo Archeologico Nazionale di Pontecagnano Faiano. Nell’ambito del progetto, in collaborazione con l’Amministrazione comunale di Montecorvino Pugliano, la Fondazione Saccone coinvolgerà circa 120 giovani di età compresa tra i 9 e i 17 anni, residenti nel Comune di Montecorvino Pugliano o territori limitrofi, in attività ludico-ricreative e laboratoriali. Nello specifico, i giovani partecipanti saranno coinvolti in attività connesse al “Palio delle Frazioni”, manifestazione organizzata ogni anno dal Comune di Montecorvino Pugliano ed attività laboratoriali.

Presenti alla conferenza stampa di presentazione Giorgio Scala, presidente Fondazione Saccone, Alessandro Chiola, Sindaco del Comune di Montecorvino Pugliano, Carmela Santarcangelo, Dirigente del Liceo Tasso di Salerno, Luigina Tomay, Direttrice Museo Archeologico Nazionale “Gli Etruschi di Frontiera” di Pontecagnano, Edoardo Gisolfi, coordinatore CTS Fondazione Saccone, Angela Peduto, DISA-MIS Università degli Studi di Salerno, Amleto Picerno Ceraso, Founder MEDAARCH.“Questo progetto è l’emblema della logica di Fondazione Saccone, fare rete per generare opportunità sul territorio, perché unisce organizzazioni pubbliche e private a supporto della generazione che più ha subito la crisi Covid” ha spiegato Giorgio Scala, presidente della Fondazione Saccone. 
“Il progetto ha una durata complessiva di 6 mesi, da metà luglio a fine novembre 2021, e coinvolge 200 giovani dai 9 ai 17 anni residenti a Montecorvino o nei comuni limitrofi. Oltre ai partner del progetto, prevede il coinvolgimento del Museo di Pontecagnano e di MEDAARCH, col fine di contaminare i due campi della cultura classico-umanistica e della cultura tecnico-scientifica per formare le nuove figure di umanisti digitali” ha detto il coordinatore del CTS della Fondazione Saccone Edoardo Gisolfi. “Con questa grande rete di sinergie tra pubblico e privato siamo sulla strada giusta per conseguire l’obiettivo di creare socialità tra i giovani dopo questo periodo difficilissimo, rispondendo al bisogno di normalità e creando una dimensione di serenità” ha sottolineato il sindaco di Montecorvino Pugliano Alessandro Chiola.  “La sfida del ritorno alla normalità e alla socialità è sfruttare la possibilità della scuola di interfacciarsi, per consentire uno scambio di informazioni e il trasferimento di esperienze tra giovani e territorio” le parole della dirigente del Liceo Tasso di Salerno Carmela Santarcangelo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Al via il progetto “Educare – Ricreare socialità”: 200 giovani coinvolti in attività formative e ludico-ricreative

SalernoToday è in caricamento